Una domanda

Avendo questo ruolo di ideatore del decamerone social, ancora amministratore nonostante la fuga verso il sito web con relativo blog è a me che arrivavano fin dall’inizio della faccenda gli inviti di FaceBook per commercializzate il gruppo, aggiungere pubblicità e a seguire mi è capitato anche di essere, bannato per tre giorni per qualcosa che secondo i beghini era immorale.

Da questo insieme e in ossequio alla diceria che quello pubblicato su FaceBook divenava proprietà del medesimo, confuse opinioni al riguardo, è nata l’idea del sito web autonomo e libero di trasformarsi in quel che ci pareva.

Capita così che mi arrivino una email e un messaggio di due amici iscritti che richiedono la mia opinione circa la libertà di pubblicare articoli dal soggetto porno.

Ho dato il mio ovvio benestare e mi sono affrettato a pubblicare due righe che avevo nel cassetto a tema erotico (pornografico?).

Le riguardo sul blog e la pagina del gruppo mi dice quanti “visualizzatori” hanno letto quel post. Commenti zero, se non uno privato.

Si è potuto raccontare di droghe varie, traffici illegali, galera, viaggi nei posti più disparati ma vedo, alla mia balda età, che l’argomento sesso pone ancore nell’imbarazzo.

Chi e perché?

E’ difficile leggerne? Più difficile scriverne?

Viaggi si può non averne fatti (uno dei racconti che più mi ha divertito è stato il viaggio in Afghanistan di Gloria) ma il sesso e le sue sfaccettature l’abbiamo affrontato tutti fin dalla più tenera età, femmine e maschi.

In tal frangente mi manca ancora di più Dunia e la sua splendida onestà. Avrebbe saputo che dire così come già fece sulle pagine del gruppo.

Fantasia o tuffo nella memoria?

Fin qua il gruppo e poi il blog sono stati una sorta di testimonianza della stessa generazione: abbiamo avuto diciott’anni assieme anche se slegati logisticamente oppure no.

A me non era venuto in mente frugando tra i ricordi ma qualcun altro ci ha pensato e mi ha spinto a portare a galla qualcosa che ho deciso di pubblicare.

L’assenza di commenti mi ha dato da riflettere: cosa ne pensate? Come scritto nell’email che mi è arrivata raccontare di fiche, cazzi, sborrate e dintorni (piacere sessuale) offende la sensibilità di qualcuno o se ne può scrivere liberamente?

Che sfere va a toccare?

Ricordi intrisi di erotismo ne abbaiamo sicuramente tutti. Di scarso interesse per gli altri?

Proviamo a prenderla da una direzione diversa: il libro più porno che io abbia letto, fra i tanti, fu Opus Pistorium di Henry Miller. Un incrocio eccezionale fra un capolavoro e un libello da adolescenti in calore.

A chi va di rispondere?

E già soltanto la scelta di un titolo credo che sia uno spartiacque tra i due sessi.

La vostra opinione gentilmente: se ne può fare argomento sul blog o meglio evitare?

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

I miei articoli

“hija de puta”

In quale casa mi trovo? La “hija de puta”, bella persona, era una delle infermiere che mi facevano visita ogni mattina a casa per fare controlli

continua a leggere »

Mente a zonzo

Quanto può essere sorprendente scoprire il desiderio di abbracciare un donna ed esserne abbracciato mentre sei in un Hospice a far cure paliative.   Entrato

continua a leggere »

Fato volle

Mi ritrovo a pensare come secondo i tempi che correvano e i diversi luoghi, gli umani si siano creati queste figure che hanno chiamato dio

continua a leggere »

Autobiografia

Non solo tatuatore. Tutti noi quanti abiti differenti abbiamo indossato nell’arco del nostro tempo? Io ho avuto la fortuna (la mia vita fortunata) di aver

continua a leggere »

Viaggio ad ovest

Il Decameronesocial è zeppo di memorie anche dei miei viaggi in oriente ma non credo di aver fatto cenno della volta in cui Sidney passò

continua a leggere »

2 risposte

  1. A me sta a cuore e’ la qualità’ delle cose che appaiono sul blog. C’e’ una sottile frontiera nel racconto erotico passando la quale si sfocia nella pornografia. Mentre una cosa puo’ essere eccitante e creativa e non necessariamente autobiografica, l’altra puo’ facilmente degenerare nella volgarità’. Tutto dipende da come lo si scrive. Ecco, se il racconto erotico e’ interessante e divertente ben venga ma se il racconto e’ scritto ad uso e consumo di descrizioni pornografiche di fiche cazzi e culi, allora il soggetto diventa limitato e ripetitivo con il pericolo di cadere facilmente nella volgarità’, e questa e’ forse la cosa piu’ importante da evitare. Ma non sono un censore, credo che tutti siamo liberi di scrivere quel che vogliamo ma anche siamo liberi di leggerlo o no ed apprezzarlo o no, dipende…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The maximum upload file size: 2 MB. You can upload: image, audio, video, document, spreadsheet, interactive, text, archive, code, other. Links to YouTube, Facebook, Twitter and other services inserted in the comment text will be automatically embedded.